Il 4° Blogger Day di Brianza che nutre

Sabato scorso, 09 giugno 2018, si è svolto il 4° Blogger Day di BRIANZA CHE NUTRE, Consorzio per la promozione della Brianza e della rete dei suoi aderenti.
Anche la nostra associazione, sin dalle origini, fa parte di questo Consorzio.

Il tema, “La cascina brianzola del ‘900: luogo di vita, devozione e lavoro“, ci ha visto direttamente coinvolti nella sua illustrazione ad un nutrito ed interessato gruppo di blogger intervenute.

In mattinata, con il prezioso contributo di Aldo Villa, ormai consueto compagno per questo tipo di iniziative, abbiamo accompagnato il gruppo nella visita di alcune corti e cascine simboliche per il nostro territorio.

Cascina Levada

Un’anteprima a Cascina Levada, tra l’altro sede del Consorzio Brianza Che Nutre e punto di ritrovo per i partecipanti, che ha fornito ad Aldo l’occasione per introdurre i primi concetti tipologici delle nostre cascine come il portico e loggia (la lobbia) offrendo inoltre, dalla sua balconata naturale, uno spunto per l’osservazione del territorio intorno con la visuale di alcune delle cascine presenti.

Campofiorenzo

La prima vera tappa del “tour” fra cascine e sentieri inizia a Campofiorenzo.
Oggetto della mia presentazione: la storia secolare della Corte.
Con l’aiuto di del bel video dell’amico Andrea Viscardi con lo stralcio di una sua intervista di alcuni anni fa.
E’ seguita una breve visita alla Corte, con un’attenzione particolare alla Madonna del Forno ed all’ex-lavatoio che introduce l’argomento dell’acquedotto Mellerio, che ritroveremo a fine mattinata.
Ne anticipiamo però, grazie alla testimonianza di Romano Cogliati, una singolarità.
L’acquedotto serviva anche gli abitanti della Corte che, in cambio, avevano l’obbligo di effettuare, due volte all’anno, un’operazione di pulizia dello stesso denominata “pertegàà l’acqua“.
Si trattava di infilare, tra un punto e l’altro della tubazione, una pertica che poi doveva scorrere al suo interno per togliere eventuali radici o altri ostacoli presenti.

Cascina Verdura

Ripartiamo per la tappa successiva: Cascina Verdura.
Bell’esempio di architettura rurale il portico del nostro amico Pasquale si presenta sempre agli occhi degli estranei come bellissimo.
Le rondini che girovagavano sotto il portico attorno ai loro nidi fanno il resto evocando ed anticipando il tema pomeridiano della presentazione del libro “La rondine sotto il portico“.
La nostra attenzione è però rivolta all’affresco di S. Antonio Abate e Giobbe che Aldo ha preso spunto per illustrare i cosiddetti Santi in cascina e la ricerca da noi effettuata qualche anno fa sui Segni del Sacro in Casatenovo.

Trovate il lavoro di rilievo e catalogazione sui circa 200 segni del Sacro di Casatenovo su questo stesso sito.

Lasciamo Cascina Verdura, non senza aver apprezzato gli splendidi panorami verso le Prealpi orobiche, lecchesi e lariane e ci dirigiamo verso l’ultima tappa, la più a nord del piccolo tour: Cascina Rancate.

Cascina Rancate

Questa cascina, tra le più belle e meglio recuperate di Casatenovo e dell’intero circondario, non ha mancato di colpire anche i presenti.
L’inserimento in un contesto ambientale notevole, la vista stratosferica a 360 gradi goduta dalla torretta anche del nuovo skyline di Milano e la serenità dei suoi residenti, tra cui il nostro accompagnatore speciale nonché nostro fedele associato Angelo Confalonieri, ha sorpreso e favorevolmente impressionato tutti i partecipanti.

Valle del Pegorino

In chiusura del programma della mattinata l’attesissima escursione nella Valle del Pegorino, alla ricerca delle tracce dell’ex-acquedotto Mellerio.
Si tratta di un’opera idraulica di elevata difficoltà commissionata agli inizi del 1800 dal Conte Mellerio, funzionario dell’Impero austro ungarico e proprietario di quella che oggi è definita Villa Gernetto di Lesmo, per irrigarne i giardini.
L’opera fu progettata dall’ing. Carlo Parea, uno dei massimi esperti e progettista di altre importantissime opere idrauliche in tutta Lombardia.
Le tracce ancora visibili hanno consentito di constatare il valore dell’opera e la sua portata.

Molto apprezzato l’ambiente naturale visitato che, fra l’latro, fa parte del Parco della Valle del Lambro, essendo il Rio Pegorino un affluente del Lambro stesso.
Con lo scorrere tranquillo di acque pulite nel torrente, il verde particolarmente intenso di questa stagione, i campi ordinatamente coltivati e perfino la straordinaria compagnia di una coppia di poiane che hanno volteggiato sopra le nostre teste.
Insomma, Brianza vera, Brianza che ancora resiste nonostante tutto…

Molti gli apprezzamenti ricevuti sia per il nostro lavoro che per le pecularietà illustrate del nostro territorio con le sue cascine e le sue storie…

La rondine sotto il portico

Nel pomeriggio la conclusione della giornata a Barzanò, presso la libreria Perego, altro loro associato, per presentare alle ospiti, a integrazione della mattinata, il volume La Rondine sotto il portico.

Una breve introduzione del presidente Carlo Maria Brambilla, che saluta tutti gli ospiti e illustra gli obiettivi dell’associazione e le motivazioni che hanno portato alla scelta del tema della giornata.

La cronaca della presentazione ufficiale del volume è disponibile su questa pagina

Presenti anche coloro che hanno contribuito alla realizzazione del poderoso volume che descrive ed elenca i nuclei rurali casatesi alla fine del 1970, con l’aiuto di foto e planimetrie, testi descrittivi di ogni singolo nucleo, immagini di vita collocabili in quel periodo e, a nostra cura, racconti e testimonianze raccolte in un DVD allegato.

Andrea Corneo

Ideatore dell’opera e autore della ricerca foto-demografica degli anni ’70 che ha fatto da base del libro.
Coordinatore del progetto, da lui il titolo e una citazione di Pascoli tratta da 10 agosto:

Ritornava una rondine al tetto
l’uccisero: cadde tra spini
ella aveva nel becco un insetto
la cena de’ suoi rondinini.

Aldo Villa

Ex-insegnante, autore dei testi didascalici di ogni singolo nucleo e di alcuni racconti a corredo provenienti dalla propria esperienza passata a Cascina Crotta.
Una sua efficace sintesi della vita in corte:

Si parlava in dialetto e si pregava in latino.
Ci si lavava una volta a settimana e si mangiavano pane giallo e minestra di verdure, polenta e latte, trippa e torta paesana.

Giorgio Pennati

L’AFCB ha un sotto sito dedicato nel nostro stesso spazio.

Storico fotografo dell’AFCB (Amatori Fotografici Cassina de’ Bracchi) da oltre 40 anni, autore di gran parte delle immagini iconografiche presenti nella pubblicazione.
Immagini riprese dalla vita contadina e domestica degli anni ’70 e ’80 e di rara efficacia, frutto di una passione non comune e non sempre facile, specie se collocata in quel periodo, quando per fare certe foto occorreva superare molta diffidenza.

Francesco Biffi
Non si butta via niente ha un suo spazio su questo stesso sito.

Il sottoscritto, presidente dell’Associazione Sentieri e Cascine, presente sul territorio da circa quindici anni, autore di un DVD allegato alla pubblicazione che raccoglie alcuni stralci delle videointerviste realizzate nell’ultimo decennio nell’ambito di un progetto denominato “Non si butta via niente” sul mondo rurale casatese del novecento.
I temi trattati: La vita in corte e la devozione popolare,il lavoro nei campi, il cibo, il rapporto con l’ambiente circostante e i riflessi della seconda guerra, offrono uno spaccato significativo delle condizioni di quel tempo del mondo rurale del nostro territorio.

Andrea Baio

In rappresentanza di Maurizio, che ha stampato la pubblicazione ma non solo.
E’ stato anche, con la tenacia che lo contraddistingue, l’anima pratica ed economica che ne ha consentito concretamente la realizzazione anche attraverso la ricerca di finanziatori che hanno creduto nel progetto.

Insomma un bel pomeriggio che ha concluso degnamente una giornata che ha riservato alle ospiti partecipanti un frammento del nostro territorio che non ha mancato di incuriosire


I commenti alla giornata

Carlo Brambilla

Ciao Francesco,volevo ringraziarti per la splendida giornata di oggi.
Uso, non a sproposito, l’aggettivo “splendido” perché ricorrente nel giudizio delle giornaliste dalle quali ho raccolto alcune impressioni.
La mia personale gratitudine si unisce a quella del Consorzio Brianza che nutre, che rappresento.
Ti prego di estendere questo GRAZIE anche a tutti gli altri.
Carlo M. 

Brianza che nutre

LustigTime

Oggi il giro per sentieri e cascine in Brianza mi ha portato in luoghi conosciuti ma mai vissuti.
Presto vi riporterò tutte le notizie sul blog per condividere con voi questo LustigTime a due passi da casa!
Grazie a Brianza che nutre per la bella iniziativa!


Da Casatenovo, passando per Campofiorenzo, arrivando fino a Barzano’: la mia giornata per sentieri e cascine in Brianza in ottima compagnia, fatta di donne, di imprenditrici, di appassionate giornaliste, di prodotti locali, di occhi curiosi con la voglia di esplorare Terre vicine ma ancora inesplorate 
♥️ Un LustigTime che nutre!

Cocco On The Road

Una giornata alla scoperta della Brianza che nutre.
Una Brianzache mi ha nutrito gli occhi, il cuore, la mente ed il gusto.
Una Brianza che non conoscevo e che ora posso dire ma che spettacolo.
Un tour tra sentieri e cascine, degustando prodotti locali accompagnati da un buon vino.
Fino ad arrivare alla PEREGOLIBRI che chiamarla libreria è solo che riduttivo.
Curiosi?
Presto vi racconterò tutti i dettagli come sempre.  #brianzachenutre #scoprilabrianza #cascineinbrianza #ad


Brianza da scoprire – Un’oasi a due passi dalle città

Famelici

Posti insoliti, ma ricchi di cultura, storia e chicche gastronomiche per un week end per anticipare le vacanze?
Brianza e Sillavengo, in provincia di Novara.
Perchè?
Scoprilo su Famelici
#Brianzachenutre Loredana Fumagalli #sentieriecascine


Documenti

Il video di Andrea Viscardi, proiettato durante la presentazione a Campofiorenzo

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie.

Ciò accade perché il servizio che potrebbe mostrare questo contenuto utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati.
er visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Il 4° Blogger Day di Brianza che nutre
Condividi:

Su questo sito web usiamo dei cookie per il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici) e per scopi statistici, per fornire servizi come i video e via dicendo (cookie di servizio).
Hai facoltà di scegliere se abilitare o meno questi cookie, usati per offrirti in servizio migliore.
Se vuoi maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.