Commemorazione dell’Eccidio di Valaperta 2013

Come di consueto si è svolta la commemorazione dei quattro partigiani fucilati su ordine delle Brigate Nere il 03 gennaio del 1945.

Prima la Messa, celebrata da Don Sergio Zambenetti nella Chiesa Parrocchiale, poi un corteo-fiaccolata che ha raggiunto, al termine di Via Resistenza e al confine con Lomagna, la lapide su cui sono incisi i nomi dei quattro partigiani: Natale Beretta, Vitale Nazzaro, Mario Villa e Gabriele Colombo.

Presenti le Amministrazioni di Arcore, Bellano, Biassono e Casatenovo, rappresentanti dei Comuni da cui provenivano i quattro giovani uccisi.
Presenti anche i rappresentanti di Lomagna, Missaglia, Lesmo e Usmate-Velate, oltre alle Associazioni combattenti e reduci, ANPI ed altre ancora.

Dopo qualche attimo di raccoglimento ha preso la parola il Sindaco di Casatenovo, seguito dall’intervento di Anna Lanzi, delegata dell’ANPI di Missaglia-Casatenovo-Barzago.

[spoiler title=”L’intervento di Anna Lanzi” open=”no” style=”default” icon=”plus”]

L’A.N.P.I. di Missaglia e Casatese chiede a tutte le componenti democratiche e antifasciste del nostro paese di porre attenzione alla grave situazione che si è determinata nel nostro paese, sopratutto con la grave crisi economica mondiale, sottolineando i pericoli per la democrazia.

In alcune città e paesi, amministrazioni di centrodestra tollerano e avvallano certe manifestazioni fasciste con il pretesto della libertà di pensiero e parola, manifestazioni che sfociano in aggressioni razziste e violenza politica (vedi quelle organizzate da casapound).

Manifestazioni che si allargano anche con slogan e cori fascisti in alcuni stadi e alcune scuole.

Un paese che ha avuto una dittatura fascista, una guerra disastrosa, lutti, tragedie, dovrebbe provare una sensazione di vergogna di fronte a questi episodi, invece c’è indifferenza in giro, ignorando quello che significano queste manifestazioni.

L’A.N.P.I. di Missaglia e Casatese chiede che venga applicata la cosa più semplice: la costituzione italiana, nata sull’antifascismo democratico e che tutte le forze politiche sociali e democratiche si uniscano a respingere questi comportamenti.

W la resistenza.

Ecco anche un commento (successivo) della stessa Anna Lanzi:

Aggiungo che l’altra sera si è avuta una grande presenza di sindaci o rappresentanti di comuni che confinano con Casatenovo, oltre alla grande partecipazione di comuni cittadini.
La loro presenza mi ha fatto veramente piacere: c’è necessità di una forte unione delle persone che condividono un forte pensiero.
Ho avuto la sensazione di un grande abbraccio all’ANPI.

Grazie, Anna

[/spoiler]

La funzione è poi terminata con l’intervento di Massimo Fumagalli, delegato provinciale.

Su questo sito web usiamo dei cookie per il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici) e per scopi statistici, per fornire servizi come i video e via dicendo (cookie di servizio).
Hai facoltà di scegliere se abilitare o meno questi cookie, usati per offrirti in servizio migliore.
Se vuoi maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.