La consegna degli automezzi ai comuni di Amandola e Montefortino

Una bella esperienza quella vissuta da Giorgio e Guglielmo Pennati, che hanno accompagnato i volontari del Corpo della Protezione Civile della Brianza alla volta delle Marche per consegnare nelle mani degli amministratori di Amandola e Montefortino le chiavi di due utilissimi automezzi presentati e benedetti il 19 marzo da Don Antonio Bonacina.

Partenza

Con loro alcuni degli amministratori dei comuni brianzoli che hanno sostenuto l’iniziativa e rappresentanti di altre associazioni, enti e aziende che hanno contribuito positivamente all’ottimo risultato oltre ai volontari della Protezione Civile capitanati dal Presidente Giuseppe Sala.

Partenza all’alba di sabato 01 aprile 2017. A mezzogiorno il primo contatto con la realtà locale con un pranzo offerto dalla comunità di Amandola nei moduli abitativi.

Amandola e Montefortino

E’ seguita poi la visita al paese, in particolare la sua zona rossa completamente disabitata e ancora inagibile. Successivamente è stata la volta di Montefortino anch’esso con le ferite ancora evidenti del sisma che ha colpito questa porzione del nostro Paese.

La Pinacoteca di Montefortino

Dopo una notte passata nel dormitorio allestito nella prima fase post-terremoto la mattina seguente, 02 aprile, una breve digressione di carattere culturale per visitare la Pinacoteca di Montefortino, fortunatamente illesa, che ospita opere di grande valore artistico.

La consegna

La cerimonia di domenica mattina alla presenza degli amministratori delle cittadine interessate ha rappresentato sicuramente il “cuore” delle visita con la consegna ufficiale dei due automezzi a cui hanno fatto seguito i relativi ringraziamenti con momenti di reale commozione.

Il Santuario della Madonna dell’Ambro

Ultima sosta prima di riprendere il viaggio di ritorno. C’è stato il tempo per una visita al Santuario della Madonna dell’Ambro ed un ultimo apprezzatissimo spuntino a base di specialità locali.

Conclusione

Pubblichiamo un breve commento del Segretario del Corpo della Protezione Civile Marco Pellegrini inviato ai nostri amici che hanno partecipato alla spedizione.

Un viaggio lungo e denso di emozioni quello che mi ha visto partire a settembre del 2016, chiamato ad intervenire come volontario della Protezione Civile per l’emergenza terremoto nei Comuni del centro Italia.

Sono ritornato a marzo del 2017 ed ora, nel fine settimana del 1 e 2 aprile, insieme a voi amici fotografi dell’AFCB e di Sentieri e Cascine, per consegnare, grazie al vostro sostegno e a quello di nove Comuni, cittadini, associazioni ed aziende e all’impegno dei volontari del Gruppo di cui sono segretario, due automezzi che contribuiranno alla ripresa della vita sociale dei Comuni di Amandola e Montefortino, in Provincia di Fermo.

Anche questa è attività di Protezione Civile.
Infatti oltre all’opera di previsione, prevenzione, soccorso è fondamentale cercare di ripristinare la vita delle popolazioni colpite da eventi calamitosi ed in questi ventiquattro anni di attività sono stati numerosi gli aiuti che abbiamo portato, grazie al sostegno di tanti, in questa direzione.

Il mio viaggio è iniziato con gli sfollati presenti nelle tendopoli di Accumoli ed è proseguito poi attraverso gli incontri con i cittadini, i Sindaci ed i referenti della Protezione Civile della Regione Marche per ritornare nella nostra terra ed individuare nel Consiglio dell’associazione i progetti da scegliere fra i tanti raccolti.

Una scelta difficile perché tutti meritavano la massima attenzione e rispetto.

Credevo che uno sarebbe stato tranquillamente raggiunto, il Fiat Doblò per i Servizi Sociali del Comune di Amandola, ma spinti dalla convinzione che i nostri concittadini conoscano ormai la nostra realtà, l’impegno e la serietà con cui opera il nostro Gruppo siamo andati oltre, proponendo un secondo “traguardo”, il pick-up per Montefortino

Si sono poi succeduti gli incontri con i benefattori e la partecipazione alle tante iniziative messe in campo per la raccolta fondi.

Ecco, ieri nella Piazza di Amandola il lungo percorso è terminato, insieme a tanti amici, vecchi e nuovi, abbiamo consegnato i due automezzi , “i frutti” della “Brianza con il cuore in mano” e quando ho preso la parola per un saluto non potevo non commuovermi rivedendo le tante immagini a ricordo di questa esperienza che rimarranno indelebili nei miei occhi e nel mio cuore.

Un grazie a voi amici fotografi dell’AFCB e Sentieri e Cascine per essere stati sostenitori e partecipi della nostra  raccolta fondi “Terremoto Centro Italia” ed aver raccolto delle immagini a favore di chi non c’era, anche le nostre tante lacrime di commozione.

Un caro saluto ed un abbraccio a tutti voi.

Marco Pellegrini
Segretario Corpo Volontari Protezione Civile della Brianza 

Su questo sito web usiamo dei cookie per il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici) e per scopi statistici, per fornire servizi come i video e via dicendo (cookie di servizio).
Hai facoltà di scegliere se abilitare o meno questi cookie, usati per offrirti in servizio migliore.
Se vuoi maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.